Forno crematorio, un “no” deciso ad ulteriori fonti di inquinamento

Cerini

Come cittadini del meetup Civitavecchia in MoVimento, essendo stati tra i primi a studiare le carte e ad aprire un confronto sulla questione forno crematorio attraverso i social network, abbiamo assistito all’incontro avvenuto mercoledì 24 agosto del comitato cittadino che nell’attesa di risposte concrete si oppone alla realizzazione dell’impianto. Ci teniamo a ribadire che la nostra posizione in merito, ulteriormente confermata da quanto risultato dallo studio epidemiologico ABC, rimane fedele alle linee dettate dal programma elettorale per le elezioni amministrative del 2014 nel quale si legge l’impegno a non aggiungere alcuna ulteriore fonte di combustione sul territorio comunale, e non comprendiamo quindi le affermazioni di alcuni personaggi legati all’amministrazione che hanno sostenuto l’accettabilità dal punto di vista ambientale di un forno crematorio a Civitavecchia.

Alla luce del mancato coinvolgimento della cittadinanza e del mancato dibattito in consiglio comunale, l’appello per un incontro pubblico con l’amministrazione risulta ormai tardivo, privo della volontà di ascoltare la voce dei cittadini e completamente fuori tema: dopo aver infatti rianimato l’ormai arenato procedimento di finanza di progetto, non c’è più la necessità di organizzare eventi atti a riascoltare il pensiero unico sostenuto finora, ma piuttosto confronti nei quali trovare soluzioni per annullare la realizzazione del progetto del forno crematorio.

Alcuni passaggi dell’incontro con il comitato, tuttavia, ci fanno temere che la battaglia contro il forno crematorio possa essere cavalcata strumentalmente da partiti politici che avendo fatto parte della giunta uscente approvarono a suo tempo il progetto per poi manifestare soltanto oggi la loro contrarietà. Nella speranza che finalmente si capisca quanto male abbiano fatto alla città quei politicanti che hanno trasformato ogni disgrazia ambientale in campagna elettorale senza mai giungere a soluzioni, auspichiamo che ognuno possa ora adoperarsi a vantaggio della salute di tutti noi, un bene comune che non deve portare alcuna bandiera politica.

Civitavecchia In MoVimento

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*